Emisfero di passioni è la ragazza mia

Emisfero di passioni è la ragazza mia

ed ogni quesito d’universo spento

ripudia dolor nell’estroso passo,

talora guarda al dipinto plurale

dell’erba e del soffice manto

austero nel canto cadenzato

e raddrizza l’inverso fragoroso

della vista quando, miserrimi,

celebrammo la ventura dell’oscuro.

Talora lei simpatica,

quando le fisso le mani

abbassa il viso

ed è come voragine il

mio core,

come tempesta il mio sentire,

tutto trasmuta in trascendente

e non v’è figlio di Cristo

che non senta il pullular

di una scolastica passione,

il vincolo sovruman

della femminea intenzione.

Allor si chiede all’ombra

ristorato

un corpo innamorato e tutto

perso

se da un solo cenno

si può carpire il color

dell’immenso,

le fugaci vie mancine,

i dardi e le stelle

che in gomitoli di costellazione

fanno l’eco

al grappolo vistoso della sua

silente immaginazione,

del suo sorriso.

Sembra che la temperanza

vinca la empedoclea

confusione,

la scissione dell’armonia

tutta in faville

quando per la tensione

si respira guerra

che dir ‘sì santa

è offesa all’anima

creatrice.

E lei, perciò,

è l’unica salvezza,

o genti mortal

gettate al vento il mantello,

ficcate nella rimembrosa roccia

l’acuminato stendardo,

lanciate l’elmo,

che ‘sì tosta virtù

mai per disdegno

ha carpito il senso mio.

Come il pittor

talvolta naufrago

rimugina sull’algoritmo

fitto

del Fato

per trovar la giusta quadratura

al cerchio,

tal io son rimembrano e contemplando

la sua gioia diurna

e furente nella notte

quando l’occhio dilata il suo vettore

e tenue come foco rissoso

sfavilla il suo pudore,

splendore!

Non negate spiriti

a cotal figliuola

che tanto ha sofferto

e tanto amato

la grazia dell’immenso.

E tieni conto

o Misericordioso Lume

che pur se lei ha negato

il tuo dominio

l’occhio ruggente e celeste

suo

a te ha condotto

me e gli altri innamorati

profughi nel vuoto

infinito dell’immenso.

Non sperderti dunque,

o mia canzone,

ma per li cortili e i vicoli,

le reti ingorde

e le prolisse rive

spargi il suo nome

e per desio

cedile il posto

nel più melodioso cerchio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...